Infinitamente dolce sei
quando le fiamme
della timidezza o dell’imbarazzo
accendon le tue pallide gote
 
Carezzerei i tuoi capelli
che come gialle messe
sbrilluccicano al sole.
Mentre mi perdo
nel celeste, profondo dei tuoi occhi,
intelligenti e schivi.
 
Mi mancherann le tue irrisioni,
di chi attacca per difendersi,
degli animi miti scudo,
contr’ogni cosa:
amore ed odio
modi gentili e leali con tutti,
anche con il peggiore dei lupi,
mi fan dubitar della tua amicizia.
 
Il tuo ricordo sfiorerà
i miei occhi,
la mia mente,
quando le strade nostre si abbandoneranno,
forse per sempre.
Quando varcherai i confini dell’aeree
e gli oceani di chi, della terra fa la sua croce.
per sbarcar nel mondo nuovo.
 
di William Bonacina
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...